Tecnologia e Rete in neurochirurgia: la sfida per una gestione moderna dei Tumori Cerebrali

Responsabile Scientifico: Dott. Riccardo Antonio Ricciuti
Segreteria Scientifica: Claudia Iacobacci, Daniele Marruzzo, Daniele Mei, Valentina Russo

La neurooncologia è ormai una ben definita specializzazione che deve tener conto di una moltitudine di figure professionali, mediche, infermieristiche ma anche del terzo settore, indispensabili per creare una rete funzionale alle necessità dei pazienti che si trovano ad affrontare un percorso diagnostico-terapeutico necessariamente impegnativo.
La conoscenza scientifica intesa nell’applicazione di tecniche sempre più precise e mininvasive, nella conoscenza delle peculiarità delle diverse malattie oncologiche, nello sviluppo di farmaci chemioterapici sempre più sofisticati e di protocolli radioterapici volti a ridurre le complicanze sulle parti sane, obbliga i diversi specialisti a dialogare tra loro, conoscere le diverse opzioni terapeutiche per poter definire fin dall’inizio una chiara strategia terapeutica.
Nei casi dei tumori intrinseci primitivi del cervello, come i gliomi, la preservazione delle funzioni eloquenti riuscendo a coniugare una più estesa possibile asportazione della malattia, influisce positivamente, con sempre maggiore evidenza, sulla qualità della vita, sul controllo dell’epilessia, dei deficit neurologici e sulla progressione della neoplasia stessa.
Tumori considerati fino a qualche anno fa inoperabili in considerazione della sede nel contesto o vicino ad aree eloquenti, vengono oggi aggrediti monitorando il paziente sempre con maggior precisione sia in anestesia generale che da svegli. I tumori benigni possono oggi usufruire di tecniche chirurgiche raffinate e mininvasive con l’ausilio di strumenti che consentano ciò, come l’endoscopio ma anche con terapie complementari sempre più precise. Lo sviluppo di un team che gestisca con approccio multidisciplinare è di fondamentale importanza per ottenere risultanti gratificanti in termini di outcome funzionale ed oncologico.
Ma tutto questo non basta, i malati di neoplasia cerebrale hanno bisogno di una rete che li segua e li faciliti nel loro particolare percorso, la centralità del medico di medicina generale, l’assistenza specialistica sul territorio e il grande ruolo svolto dalle associazioni di volontariato per i pazienti oncologici, chiudono il cerchio di un trattamento moderno che deve avere sempre in mente le necessità del paziente che rimane il centro del nostro lavoro.
E’ con tale intenzione che abbiamo programmato l’incontro rivolto ad un pubblico di specialisti che potranno assistere a lezioni tenute dai maestri italiani della materia, di medici che lavorano sul territorio, di personale del comparto che valorizzeranno con la loro presenza l’importanza e la difficoltà di riuscire a sviluppare nei fatti il concetto di rete.
Vi aspettiamo a Viterbo, la bellissima capitale della Tuscia, città con mura spesse e persone con animo nobile.
Il Responsabile Scientifico:
Dott. Riccardo Antonio Ricciuti

Viterbo, 11-12 gennaio 2019

Allegati

File Descrizione Dim.
pdf TRNVIT190111_PROGRAMMA 161 KB

Comments are closed.

© 2017 SNO - Società dei Neurologi Neurochirurghi e Neuroradiologi Ospedalieri